Campagna ONU sulle Citta Resilienti: Chioggia aderisca. Un ordine del Giorno di Forza Italia

Home  »  Attività 2016-2020  »  Campagna ONU sulle Citta Resilienti: Chioggia aderisca. Un ordine del Giorno di Forza Italia

Cogliendo l’occasione dell’invito a partecipare ad un importante convegno dal titolo: “PROTEZIONE CIVILE IN ITALIA E IN EUROPA: dalla prevenzione alla ricostruzione” organizzato dall’On. ELISABETTA GARDINI con molti ospiti illustri tra cui il Commissario europeo per la risposta alle crisi CHRISTOS STYLIANIDES, il padre della protezione civile l’On. GIUSEPPE ZAMBERLETTI e il Capo dell’Ufficio delle Nazioni Unite per la riduzione dei disastri PAOLA ALBRITO, BENIAMINO BOSCOLO presenta un ordine del giorno in Consiglio Comunale al fine di sensibilizzare l’Amministrazione Comunale sul tema dell’ambiente e della fragilità del territorio con lo scopo di adottare buone prassi aderendo alla campagna ONU sulle “Città Resilienti”.  Per iscriversi al convegno di sabato 08 luglio ecco il link: accedi alle iscrizioni

In allegato in calce programma del convegno a Padova e l’ordine del giorno presentato all’Amministrazione Comunale!

IMG_5078

Chioggia, 05 luglio 2017
SPETT.LE COMUNE DI CHIOGGIA
c.a. SINDACO

ORDINE DEL GIORNO
LA CITTA’ DI CHIOGGIA ADERISCA ALLA CAMPAGNA ONU “RENDERE LE CITTA’ RESILIENTI”

Il consiglio comunale,

VISTO CHE

Molti comuni hanno aderito e stanno aderendo alla campagna ONU “Rendere le Città Resilienti” Sabato 8 luglio, a Padova, ci sarà un convegno organizzato dal PPE-Parlamento Europeo, e coordinato dall’Eurodeputato Elisabetta Gardini, con la presenza del:
– capoufficio delle Nazioni Unite per la riduzione dei disastri (UNISDR) Paola Albitro,
– il presidente della Regione Veneto Luca Zaia,
– il commissario europeo, DG Echo, Christos Styliandines,
– il direttore generale ufficio relazioni istituzionali della Protezione Civile, Paolo Molinari
– altri esperti, funzionari, docenti e sindaci del territorio.

DATO CHE

Rendere una città resiliente vuol dire renderla sicura e sostenibile con la prospettiva di creare le condizioni per diffondere la cultura della consapevolezza rispetto alla dimensione del “rischio” e aumentare, con azioni concrete e partecipate, il livello di sicurezza del territorio.
Negli ultimi anni abbiamo assistito a numerose tragedie causate da dissesti ed allagamenti, conseguenza diretta dei cambiamenti climatici, e ad ogni evento calamitoso si sono susseguiti proclami sulle azioni da intraprendere per ridurre i rischi. Evitare le tragedie a volte è difficile ma se si iniziano ad intraprendere buone pratiche per la corretta gestione del territorio certamente e si intraprende l’adesione a programmi e campagne con enti sovra locali, si avrà una riduzione dei danni. E’ importante, pertanto, che le istituzioni lavorino insieme cercando di mettere in pratica i dieci punti per garantire la resilienza e di guardare con più attenzione ai territori e alla sicurezza dei suoi abitanti.

CONSTATATO CHE

Aderire alla campagna significa principalmente aderire ai 10 punti del programma che in sintesi significa:
1. Organizzare e coordinare le attività per far comprendere e ridurre i rischi da disastri, basate sulla partecipazione di gruppi di cittadini e della società civile.
2. Assegnare un budget per la riduzione del rischio di catastrofi.
3. Mantenere attivo un data-base su rischi e vulnerabilità, rinforzare i sistemi di valutazione del rischio e utilizzarli come base per i piani di sviluppo urbano e per le decisioni.
4. Investire nelle infrastrutture critiche per ridurre il rischio.
5. Mettere in sicurezza tutte le scuole e le strutture sanitarie.
6. Applicare e modificare i regolamenti edilizi per evitare costruzioni abusive o in aree a rischio.
7. Realizzare programmi di istruzione e formazione in materia di riduzione del rischio da calamità ad ogni livello.
8. Proteggere gli ecosistemi e le zone naturali per mitigare i rischi di inondazione.
9. Installare sistemi di allarme rapido e di gestione delle emergenze.
10. Garantire assistenza a chi subisce disastri naturali.
Garantire la sicurezza di una città vuol dire impegnarsi ad attuare buone pratiche in tal senso.

IMPEGNA

Il Sindaco e la Giunta ad aderire alla campagna e al programma delle Nazioni Unite “Rendere le Città Resilienti”.

                                                                  In fede
Beniamino Boscolo Capon
Gruppo Consigliare Forza Italia